Vous êtes ici...

Il monastero Nostra Signora dell’Atlas non era isolato nella sua montagna, ma aveva naturalmente le numerose visite dei vicini musulmani, visite al dispensario, ma anche visite  di amicizia, talvolta occasioni di scambi spirituali.  Polmone di ossigeno della Chiesa d’Algeria, molti cristiani vi venivano per nutrirsi, trovare consiglio o semplicemente riposo.

Religiosi elaici della Diocesi lo frequentavano dunque regolarmente, e molti avevano delle relazioni fraterne e amichevoli con i Fratelli. Se pero’ gli ospiti, se ne ritornavano rivivificati, anche i Fratelli erano confortati dai loro visitatori nel senso della loro presenza.

Non è possibile evocare tutte gli amici fedeli, ma cinque fra  loro, per la parte che hanno avuto alla vita, e talvolta alla sopravvivenza del monastero, meritano di essere associati ai Fratelli in questo sito. Saranno presentati nelle pagine che seguono.

Cardinal Léon-Etienne DUVAL, leggi tutto
Père Gilles NICOLAS, leggi tutto
Père Joseph CARMONA, leggi tutto
Père Robert FOUQUEZ, leggi tutto
Monseigneur Henri TEISSIER, leggi tutto

petit reste cardinal duvalNato nel 1903 a Chénex (Alta Savoia), ordinato sacerdote nella Diocesi di Annecy, era vicario generale ad Annecy nel 1947 prima di essere nominato vescovo di Constantine in Algeria. Divenne poi arcivescovo di Algeri nel 1954, innalzato al cardinalato nel 1965 ed ottenne, nello stesso anno, la nazionalità algerina. Nel 1988, Mons. Henri Tessier gli succedette e, all’età di 86 anni, si ritirò in un piccolo appartamento accanto alla basilica di Nostra Signora  d’Africa, la cui spianata sarà più tardi battezzata piazza Cardinal Duval dalle  autorità algerine.

Arcivescovo di Algeri durante i periodi molto difficili della guerra d’indipendenza e degli anni che la seguirono, assunse la sua carica con un coraggio ed una rettitudine morale tali da non meritargli che degli amici. Vedere il libro di Marie Christine Ray: Il cardinale Duval, un uomo di speranza in Algeria (CERF). Due frasi riportate in questo libro illustrano lo spirito dell’azione del Cardinal Duval: “La più alta dignità dell’uomo è l’amore fraterno”  e “La fraternità della sofferenza è la più forte e la più duratura di tutte”

petit reste noel 87 thibirineParroco di Medea dal 1978 al 1997, fu molto vicino ai Fratelli, e visse presso di loro e con loro molti degli avvenimento drammatico di quegli anni, particolarmente gli ultimi.

Nato nel 1936, ingeniere della Scuola Centrale di Parigi, fa il suo servizio militare come sottotenente nella parte Ovest dell’Ouarsenis. Vi scopre l’Algeria, e  durante i suoi studi teologici compiuti al Seminario Maggior d’Issy les Moulineaux, decide di chiedere l’incardinazione nella Diocesi di Algeri. Ordinato a Parigi il 25 giugno 1966, parte per l’Algeria, dove raggiunge la sua diocesi nel settembre 1966

petit reste carmona et ses chanteurs

Nato a Orano il 15 marzo 1917 in una famiglia numerosa di origine spagnola, è ordinato sacerdote ad Algeri nel 1947. Eserciterà il suo ministero in diverse parrocchie di Algeri o della periferia, prima come vicario a Bab El Oued, poi a Hussein Dey. Nel 1949 è parroco di Arbaa, dove creerà delle amicizie molto fedeli con i giovani di questo villaggio. Fonda in seguito la parrocchia di Dar el Mahçoul e poi, negli anni 60, succede al Padre Scotto nella parrocchia San Giuseppe de Bab El Oued. E’ infine parroco di Hussein Dey e va in pensione  nel 1999,  ritornando  in Francia per ragioni di salute. Dopo diversi cambiamenti di residenza, finisce i suoi giorni in una casa di riposo per religiosi a Carcassonne, dove si spegne dolcemente il 22 settembre 2011, all’età di 94 anni.

Padre Robert Fouquez è un eremita benedettino che ha vissuto a lungo sulla montagna di Tamesguida, esercitanto un’attività di apicultura alla quale formo’ dei giovani algerini del vicinato.

Monsignor  Henri Tessier, nato a Lione nel 1929, fu ordinato sacerdote ad Algeri nel 1955. Nominato vescovo di Orano nel 1973, poi coadiutore ad Algeri del Cardinal Duval a partire dal 1981, sarà nel 1988 que succederà a quest’ultimo, nell’arcivescovado di Algeri.

Dal 1988 al 2008 fu dunque il Pastore della Dioces di Algeri,